Erano gli inizi degli anni ’90 ed io avevo circa dieci anni.

La Televisione trasmetteva un’infinità di cartoni animati (quelli belli davvero); il pomeriggio c’erano “Bim Bum Bam”, “Ciao Ciao” e il “Wrestling” con Hulk Hogan. Erano gli anni in cui “Non è la Rai” faceva sognare maschietti e femminucce per motivi diversi, gli anni in cui Buona Domenica era condotta da Marco Columbro e Lorella Cuccarini, gli anni del mitico “Festivalbar” che, con Amadeus, la Panicucci, Cecchetto e Fiorello, decretava l’inizio dell’estate.

In quegli anni la tv trasmetteva anche serie non propriamente adatte ad un pubblico giovanissimo, che spesso come nel mio caso si limitava a guardarne i trailer pubblicitari.

Tra questi, due mi sarebbero rimasti per molti anni impressi nella mente.

Il primo era “V Visitors“. La sequenza dell’uomo che sollevava un topo e lo inghiottiva mi faceva particolarmente senso e la cosa peggiore era che lo mandavano sempre in onda durante l’orario di cena. Buongustai!

Il secondo era quasi ipnotico. Ricordo un’angosciante colonna sonora (che molti anni dopo scoprii essere del compositore italo-americano Angelo Badalamenti) che accompagnava alcune immagini tra cui il volto tumefatto di una donna. Il tutto si concludeva con una domanda che mi sarei portato dietro tutta la vita:

Chi ha ucciso Laura Palmer?

La serie era “I Segreti di Twin Peaks“.

Molti anni dopo riuscii finalmente a entrare in possesso della serie completa, mi incontrai con un amico dicendogli: “Sai, ho preso tutte le stagioni di “Twin Peaks” e gli citai il famoso slogan “Chi ha ucciso Laura Palmer?”. Lui senza pensarci…mi fece il nome.

Sto ancora provando a dimenticarlo.

Nel 2017, a distanza di ventisei anni dall’episodio pilota, approderà nelle nostre case la terza stagione della serie creata da David Lynch e Mark Frost.

La regia dei 18 episodi è affidata a Lynch, mentre Angelo Badalamenti tornerà ad occuparsi della colonna sonora.

Nel cast molti attori delle passate stagioni come Kyle Kyle MacLachlan, Sherilyn Fenn, Sheryl Lee e David Duchovny e altre new entry come Tim Roth, Jim Belushi, Monica Bellucci e Naomi Watts.

“Ci rivedremo ancora tra 25 anni”.

Con questa promessa terminava la seconda stagione. Di anni in realtà ne passeranno 26 e le premesse per una buona storia ci sono tutte. Riusciranno autori e attori a riaccendere la curiosità in noi spettatori e a farci chiedere ancora una volta…

Chi ha ucciso Laura Palmer?

di Simone Caputi